Il Duomo di Salisburgo

Pin It

Il Duomo

Leggendo la storia del Duomo di Salisburgo si ripercorrono alcuni degli avvenimenti salienti della storia della città. La prima cattedrale venne costruita nel 767 per ordine del vescovo Virgin. La città di Salisburgo, allora, era ancora una città romana chiamata Juvavum. Questo primo edificio venne distrutto durante l’incendio del 1167 appiccato dai seguaci di Barbarossa.

Furono necessari dieci anni perché si riaprissero i cantieri e Salisburgo fosse dotata di una nuova Cattedrale, voluta dall’arcivescovo Konrad III von Wittelsbach. Questa costruzione, che pare superasse in magnificenza e grandezza tutte le altre cattedrali imperiali, venne danneggiata dalle fiamme nel 1598. L’allora arcivescovo Wolf approfitto dell’incendio per radere al suolo la costruzione, senza risparmiarne gli arredi e le opere d’arte in essa contenute, e dare l’avvio ad un nuovo progetto di cattedrale. La nuova costruzione, che si basava su disegni dello stesso arcivescovo, non vide mai la luce. Costretto ad abdicare e chiuso nella fortezza di Mirabell, l’arcivescovo Dietrich, lasciò il governo della città, e la direzione dei lavori del nuovo duomo al cugino, Markus Sittikus von Hohenems, che ne affidò il progetto a Santino Solari. Questi diede vita ad una chiesa in stile barocco, la prima a nord delle Alpi.

La cattedrale venne consacrata dall’arcivescovo Paris conte di Lodron, nel frattempo anche von Hohenems era morto, con una cerimonia che venne definita la “più imponente e sfarzosa che Salisburgo abbia mai visto”.
Consacrato durante la guerra dei Trent’anni il Duomo di Salisburgo fu gravemente danneggiato da una bomba della II Guerra mondiale, che ne distrusse la cupola e il presbiterio. I lavori di ricostruzione, terminati nel 1959, hanno restituito alla cattedrale il suo aspetto.

Curiosità

Sui cancelli d’ingresso della cattedrale, sono indicate le date di tre consacrazioni della chiesa: 774, 1628 e 1959. Le statue davanti alla facciata rappresentano, San Pietro, San Paolo, San Rupert e San Virgil. La Cattedrale fu infatti dedicata ai Santi Pietro e Rupert, e quest’ultimo assieme a San Virgil è patrono della regione.
Vicino alle statue è un carrello: è una riproduzione dei carrelli utilizzati per il trasposto del sale, la fonte della ricchezza, nonché del nome della città di Salisburgo. Il fonte battesimale è lo stesso in cui è stato battezzato Mozart.

Museo del Duomo

  • Domplatz 1a (Domvorhalle)
  • Tel. ++43 / (0)662 / 84 41 89
  • Fax ++43 / (0)662 / 80 47-1809
  • office@museum.kirchen.net
  • www.kirchen.net/dommuseum


Hotel Consigliati

Altstadthotel Kasererbr

Altstadthotel KasererbrA conduzione familiare da diverse generazioni, l'Altstadthotel Kasererbr [...]

Bergland Hotel

Bergland HotelA conduzione familiare dal 1912, il Bergland Hotel, non fumatori, offre una posizione tranquilla nel centro di Salisburgo, a soli 10 minuti a piedi da [...]

Arena City Hotel Salzburg

Arena City Hotel SalzburgSituato presso il piazzale fieristico di Salisburgo, a soli 2 minuti dall'autostrada A1, l'Arena City Hotel Salzburg offre un facile accesso al centro [...]

Doktorschl?ssl

Doktorschl?sslIl Doktorschl [...]

Hotel Stein

Hotel SteinPosto sulle rive della Salzach, nel cuore di Salisburgo, l'Hotel Stein offre una terrazza sul tetto con vedute panoramiche della citt [...]

Castellani Parkhotel

Castellani ParkhotelStruttura a 4 stelle ubicata in un ambiente verdeggiante, a 15 minuti a piedi dal centro di Salisburgo, il Castellani Parkhotel vanta un mix di archit [...]

Ibis Salzburg Nord

Ibis Salzburg NordL'Ibis Salzburg Nord si trova vicino all'autostrada A1, a nord di Salisburgo, a 4 km dal centro della citt [...]